Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Fire&Ice, le cronache della merda

Appena finito di vedere "Fire and Ice - Le Cronache del Drago"... le cose da dire su questo film son tante, tantissime, una peggio dell'altra. Così quello che all'inizio è nato come un commento su Facebook, è diventato poi un testo breve, ed infine un vero e proprio articolo che, ben lungi da essere una recensione, ho voluto comunque riportare sul blogghe, con la scusa anche di rianimarlo un pò.
Dunque, la storia racconta di un regno pacifico in cui, improvvisamente, arriva un drago di fuoco che porta distruzione e morte. La principessa, preoccupata per le sorte del proprio regno, cercherà di risolvere la situazione.
Questa è a grandi linee la trama del film che vi presento oggi...


E' vero, c'è il fatto che il padre della principessa Luisa (O_o) e quindi Re col nome di Augustine (O____O) è interpretato dall'attore che molti conoscono come Im-Ho-Tep, o come cacchio si scrive... insomma, La Mummia. Oltre lui, l'unico altro attore conosciuto che ho individuato è John Rhys Devis, alias Gimli, alias tanti altri!
Come dicevo in apertura, su questo film ci sarebbe da sparare a zero a raffica, tante son le puttanate riscontrate. Ve ne faccio una lista veloce:
- Il regno di Carpia, patria del Re Augustine comprende soltanto il suo castello e la baraccopoli ai piedi della fortezza;
- Ok, più verosimilmente il regno contiene tutto quello che si nota ogni volta che si guarda in basso dal parapetto del castello... ma resta comunque un regno misero;
- Il terremoto che dovrebbe aver liberato il Drago di Fuoco dalla sua prigione di ghiaccio è stato causato in teoria da Paxian, il consigliere di corte. Inspiegabilmente, durante il terremoto Paxian appare dietro la famiglia reale, a sincerarsi delle loro condizioni;
- Il Drago è inguardabile: sprovvisto di piedi, è costantemente ricoperto di fuoco, ed ha delle ali carnose che lo fanno somigliare tantissimo ad una razza;

Un'immagine del Drago di Fuoco

- Il Drago imperversa per mesi, prima che qualcuno si decida a fare qualcosa al riguardo; nel frattempo l'economia del "regno" va a farsi benedire... io mi stupisco che siano sopravvissuti, vista la dimensione del regno;
- Nonostante il periodo di carestia, sulla tavola del Re c'è sempre cibo in abbondanza, mentre poco prima dei ladri si contendono un tozzo di pane rubato a dei bimbi... alla faccia della bontà del Re;
- La regina è in tutti i sensi una rompicoglioni. E usa la forchetta, e sposa quello lì, e vestiti così... e che palle!
- La principessa Luisa sente parlare di Alador, un cavaliere esiliato ed unico uomo che abbia mai sconfitto un Drago. Senza sapere nient'altro, decide di andare nel Bosco di Isma, convinta di trovare l'ex cavaliere li. Le sue motivazioni sono che "se fossi in Alador, è li che mi nasconderei, ed è li che andrò a cercarlo";
- Per tutto il film la principessa cerca di convincere gli altri che sa badare a se stessa, salvo poi essere sempre un peso;
- Il Re del reame vicino, Quilok, propone ad Augustine di giurargli fedeltà in cambio di protezione dal Drago. Qui Augustine capisce che il Drago non attacca Quilok per qualche motivo. Subito dopo facciamo la conoscenza di Quilok stesso, a cui probabilmente non bastava avere capelli e barba verdi, ed ha quindi deciso di addobbare uno sgabuzzino per farne la sua sala del trono;
- Il comandante dei cavalieri di Quilok è un negro che non muore durante il film;
- Gli abitanti del Bosco di Isma, la pineta accanto a Carpia, si chiamano "Popolo degli Alberi", e sono vestiti, indovina un pò? con fogliame e rametti vari, con tanti ringraziamenti alla fantasia;
- Luisa incontra Sangimel nel Bosco. Quando vengono attaccati dal Popolo degli Alberi, il vecchio chiede a Luisa se è armata, e lei dice di avere un pugnale. La risposta di Sangimel è degna di nota: "Un pugnale? non è un'arma, è una posata!";
- Luisa e Sangimel vengono salvati da Gabriel. Quest'ultimo è il figlio di Alador, da cui ha appreso tutte le tecniche da cavaliere. Nel tentativo di convincere i due ad aiutarli a liberarsi del Drago, Luisa dice loro dell'offerta di Quilok. Sangimel per tutta risposta dice "Se Quilok avrà tanto potere, nessuno sarà più al sicuro". Trovo questa affermazione particolarmente esagerata;
- Mentre Quilok si presenta con un ultimatum alla corte di Caspia, Luisa promette a Gabriel di farlo Cavaliere se ucciderà il Drago. Come figlio di un cavaliere decaduto questo dovrebbe essere un incentivo più che generoso per lui, invece no. Gabriel accetta solo quando la principessa gli promette una montagna di soldi;
- Subito dopo il loro arrivo a palazzo, il Drago di Fuoco torna a devastare Caspia. L'occasione è buona per Sangimel e Gabriel di dimostrare le loro doti: Gabriel tira fuori una balestra a tre archi, incocca una strana freccia e la spara in faccia al Drago che, spaventato dalla nuvola di fumo generata dal dardo, se la da a gambe (si fa per dire, visto che ne è sprovvisto);
- Il Re Augustine invita i due a mangiare con loro, per definire il piano di uccisione del Drago. Ovviamente la tavola è imbandita al meglio, alla faccia della crisi e dei ladri che poco prima rubavano un tozzo di pane a dei bambini;
- Sangimel spiega alla famiglia reale come Quilok è protetto dagli attacchi del Drago: egli infatti possiede un oggetto chiamato Dracone che tiene alla larga i Draghi. Il Dracone non è altro che l'uovo del Drago sconfitto da Alador tempo addietro;
- Sangimel dopo aver visto appena una volta il Drago, dice chiaramente che nessun mortale può sconfiggerlo. La trovata dei due "cacciatori di Draghi" per eliminare il Drago di Fuoco è a dir poco stupida ed incosciente: essi intendono infatti scatenargli addosso un altro Drago. Rimane un mistero come sapessero dove recuperare un Drago di Ghiaccio;
- Gabriel deve rubare il Dracone dal palazzo di Quilok per attirare il Drago di Ghiaccio. Il Dracone infatti, essendo un uovo di Drago, emetterà un richiamo di aiuto se messo in pericolo. Inutile dire che le 5-6 guardie che Gabriel troverà a guardia dell'artefatto non gli saranno di alcun disturbo. E' interessante notare come poco prima Quilok avesse disposto che il Dracone dovesse essere più sorvegliato... non oso pensare a quante guardie ci fossero, prima di tale ordine, per proteggere un così prezioso artefatto;
- Appena preso il Dracone, Gabriel fa un cenno a Luisa, in attesa fuori dalle mura del castello di Quilok, che deve sparare un razzo di segnalazione per avvisare Sangimel che è tempo di liberare il Drago di Ghiaccio dalla montagna (mah!). Qui la tempistica va nuovamente a farsi fottere: Subito dopo il cenno di Gabriel, Luisa viene catturata da Paxian (ovviamente in combutta con Quilok), che ordina ad alcuni cavalieri di ucciderla. Gabriel appare inspiegabilmente ad aiutarla, come se avesse lasciato la sua controfigura a combattere con le guardie del Dracone;
- Sangimel distrugge il ghiacciaio che imprigiona il Drago di Ghiaccio. Stranamente Sangimel non muore divorato dal drago (non subito almeno), nè cade nel ghiacciaio che si apre praticamente sotto i suoi piedi;
- Il Drago di Ghiaccio è praticamente uguale a quello di Fuoco. Differisce solo dall'aria gelida che si emana da tutto il suo corpo, invece che dalle fiamme che ricoprono l'altro Drago;
- Mentre Gabriel cerca di attirare il Drago appena liberato, spiega a Luisa che Sangimel ritiene il Drago di Ghiaccio più forte di quello di Fuoco, sempre basandosi sull'unica volta che ha visto il Drago di Fuoco;
- I due Draghi si incontrano e cominciano a menarsi... a schiaffi, sputi e colpi di aria (mah!). Durante lo scontro, Re Augustine e consorte assistono alla battaglia dal solito balcone; più tardi il re reagisce come se fosse la prima volta che vede i due Draghi combattere;
- Luisa e Gabriel si ritrovano quasi coinvolti dal duello dei due Draghi. Per precauzione si nascondono dentro una cantina. Dopo pochi minuti escono, sicuri che i Draghi si siano allontanati, salvo incontrarli mezzo metro dopo... complimenti;
- Una dietro l'altra: Luisa e Gabriel incontrano i cavalieri di Quilok, e si separano durante lo scontro. Luisa fugge nel bosco, e viene aiutata da Sangimel che dev'essere sceso a velocità inaudita dalla montagna. Subito dopo Luisa becca di nuovo i Draghi, ed il suo cavallo spaventato la disarciona, facendole perdere i sensi. Sangimel sconfigge alcuni cavalieri con una veemenza forse eccessiva, e quando Gabriel raggiunge i due, Sangimel dice loro di allontanarsi, e si fa mangiare dal Drago di Ghiaccio, che stranamente si era scocciato del duello. Subito dopo il pasto però, il Drago di Ghiaccio torna all'attacco del Drago di Fuoco;
- Tutto il duello dei Draghi in sè è qualcosa di profondamente imbarazzante e fastidioso: la computer grafica la fa da padrona, eppure le riprese sono troppo confuse, e dove si capisce qualcosa si vedono solo cazzate. Anche la conclusione è ridicola: Il Drago di Ghiaccio riempie di colpi il Drago di Fuoco, poi lo spinge verso il basso, facendolo precipitare ed esplodere (si, avete capito bene);
- Nessuno si chiede fino all'ultimo che fine abbia fatto Sangimel... si vede che era la tutina rossa del cast;
- Di ritorno al castello, Luisa e Gabriel raccontano al Re del tradimento di Paxian. Il Re è deciso a punire il traditore di persona. La regina lo implora di mandarci delle guardie, ma Augustine, testardo risponde "Ha tentato di uccidere la mia unica figlia e mi ha tradito. No, questo compito è mio". Ovviamente verrà ucciso pochi minuti più tardi;
- Il confronto tra Augustine e Paxian è imbarazzante: volti inespressivi, voce atona, telecamera rotante... una merda!;
- Dopo la sconfitta del suo rivale, il Drago di Ghiaccio decide ovviamente di devastare il regno di Caspia. Gabriel nel frattempo si organizza e si dirige nel luogo in cui ucciderà la bestia. Durante il cammino, i cavalieri di Quilok, capitanati dal negro, si uniranno all'eroe, e Paxian andrà inpiegabilmente a morire nel Bosco di Isla;
- Gabriel attira il Drago di Ghiaccio verso le miniere di sale (si, perchè il sale scioglie il ghiaccio!). Usando il Dracone come esca, Gabriel costringerà il Drago a penetrare nelle profondità della miniera, per fargliela poi crollare addosso con un dispositivo esplosivo creato da Sangimel;

Ok mi son rotto di fare la lista, senza contare che per farla ho dovuto rivedere alcune scene... In realtà non ci sarebbe tanto da aggiungere, ma son sicuro che alcuni piccoli particolari adesso mi sfuggono. Comunque, se siete curiosi di scoprirli ed avete 120 minuti da buttare al cesso, procuratevi questo film. Io nel frattempo mi ritiro per deliberare!

5 commenti:

diobrando74 ha detto...

Letto così sembra proprio un bel merdone.

Driller ha detto...

Lo è, ma non a livello degli zombie merdosi o di altri film che hai recensito tu ;)

diobrando74 ha detto...

Bravo, mi hai fatto giusto venire in mente che non ho ancora visto Zombie Ass: Toilet of the Dead. Grave lacuna, la mia.

Driller ha detto...

Già che ci sei guardati anche Rambo Indiano e Dabangg... altri due filmacci che valgono :D

diobrando74 ha detto...

Farò il possibile. :D

Posta un commento